martedì, 16 ottobre, 2018
Sei qui: Home / Attualità / IN PROMOZIONE / FESTIVAL DEL TEATRO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE DI ANAGNI - XXV Edizione dal 24 agosto al 2 settembre

FESTIVAL DEL TEATRO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE DI ANAGNI - XXV Edizione dal 24 agosto al 2 settembre

Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni 2018
XXV Edizione
Dal 24 agosto al 2 settembre
torna uno dei palcoscenici a cielo aperto più suggestivi d'Italia

con
Compagnia dei Folli, Giancarlo Giannini, Barbara De Rossi,
Marco Baliani, Ruggero Cappuccio,
Compagnia Pantakin e tanti altri
Piazza Innocenzo III, Anagni (FR). Spettacoli ore 21.00, ingresso gratuito

A venticinque anni dalla prima edizione, il Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni (FR) si fa strada tra le rassegne teatrali più longeve del nostro Paese e torna dal 24 agosto al 2 settembre 2018 per proporre al pubblico un'esperienza artistica ed emotiva nei luoghi più suggestivi della città, attraverso un percorso tra prosa, danza, commedia dell'arte, lirica, spettacoli di luce e teatro d'immagine con Compagnia dei Folli, Giancarlo Giannini, Barbara De Rossi, Marco Baliani, Ruggero Cappuccio, Compagnia Pantakin e tanti altri.
"Dal 24 agosto, all'interno del ricco programma dell'Estate Anagnina 2018, avrà inizio la XXV Edizione del Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni. E c'è tutta la volontà di festeggiare questo anniversario con un'edizione premium" ha dichiarato il direttore artistico Giacomo Zito. "Nutrire il settimo senso. Questo è il proposito che si è concretizzato nelle linee tematiche che ci hanno guidato nella scelta degli eventi: alimentare la capacità di affinare i propri strumenti di percezione, nella convinzione che questa conoscenza e il suo approfondimento sia l'esperienza umana più bella che si possa fare: attraverso il suono, attraverso le parole, attraverso la luce e attraverso la musica. Nutrire la nostra anima significa accrescere l'immensa forza che è riposta nel senso del piacere, il settimo senso appunto, per maturare in noi un maggior equilibrio e una più profonda consapevolezza di sé. Ed è ciò che rende l'esperienza performativa essenziale e insopprimibile per l'essere umano, attraverso tutte le arti".

Esprime soddisfazione il Sindaco Avv. Daniele Natalia: "Il Festival, in una prospettiva di rilancio, è una delle leve grazie alle quali si può portare in alto una seria e saggia politica culturale. E la splendida cornice architettonica non solo favorisce, ma esige una volontà energica e illuminata nel perseguire questo fine: ridare nuove prospettive alle potenzialità culturali della città, eleggendo il centro storico a luogo di incontro tra Arti e pubblico, e confermare il ruolo di Anagni di prestigiosa vetrina internazionale, stimolando la sensibilità verso il nuovo e tutelando al tempo stesso l'eredità storica".

"Il nostro impegno - afferma l'Assessore alla Cultura dott.Carlo Marino - sta nel festeggiare questo anniversario degnamente e considerarlo come l'occasione sia per infondere in tutti nuova energia, sia per individuare nuove prospettive in favore dell'identità culturale della nostra città e del suo inestimabile valore storico. In un frangente di crisi così delicato come quello che stiamo attraversando, realizzare il nostro Festival significa offrire un chiaro segnale di responsabilità sia civile che politica".

Ogni opera proposta sarà un percorso originale nel piacere, dunque, a partire dalla serata inaugurale del 24 agosto, che vede in piazza lo spettacolo di teatro d'immagine più ambizioso realizzato dalla Compagnia dei Folli: "Luce", un viaggio visionario attraverso la luce e il fuoco, con sfere volanti, straordinari effetti luminosi e proiezioni. Sabato 25 agosto la piazza ospiterà un gigante del cinema italiano, Giancarlo Giannini, in uno spettacolo originale, Le Parole Note, che fonde in un'alchimia sapiente la musica jazz ad una squisita antologia di brani tratti da capolavori letterari dal duecento ai giorni nostri, con uno speciale omaggio a Shakespeare, e che risponde a pieno alla linea tematica individuata mettendo al centro il tema dell'amore; a seguire, uno spettacolo di Ruggero Cappuccio che è già entrato a pieno diritto nella storia del teatro italiano, "Shakespea Re di Napoli" in scena domenica 26 agosto.

Non mancheranno nomi prestigiosi della scena teatrale e cinematografica nazionale, come Barbara De Rossi e Marco Baliani, ed esperienze che tutelano il prezioso patrimonio teatrale italiano di tradizione, ovvero la Commedia dell'Arte, portata in scena dalla compagnia Pantakin di Venezia con lo spettacolo Tempeste d'Amor Perdute (31 agosto).

863B28BA-4434-4A3C-A2D4-FC21FB21B7CD

Ma la novità che rende davvero onore al venticinquesimo anniversario è la realizzazione, per la prima volta nella maestosa piazza Innocenzo III, di un'opera lirica tra le più famose al mondo, individuata tra i grandi capolavori del melodramma italiano che meglio si potessero sposare con l'identità del Festival e con il filo conduttore di questa edizione: Il Trovatore, di Giuseppe Verdi, una produzione Europa Musica, con l'Orchestra Sinfonica Europa Musica e il Coro Lirico Italiano.

La sezione teorico-critica del Festival sarà curata dal Prof. Gaetano D'Onofrio, che si occuperà anche delle presentazioni di tutti eventi, Da segnalare, nella Sala della Ragione del Palazzo Comunale, il 28 agosto alle ore 21.00 "I Canzonieri" a cura di Luca Simonelli: un percorso didattico formativo fondato sull'analisi di testi provenienti dal medioevo europeo, dalla prosa popolare alla lirica di corte, con sconfinamenti nel mondo medioevale orientale.

L'Amministrazione Comunale di Anagni, inoltre, assegnerà come onorificenza alla carriera la targa "Anagni Città Teatro" a tre grandi personalità del mondo del teatro e del cinema: Maurizio Micheli (30 agosto), Debora Caprioglio (31 agosto) e Corrado Tedeschi (2 settembre).

Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni 2018 
XXV Edizione
direzione artistica Giacomo Zito

PROGRAMMA

Venerdì 24 agosto 2018 ore 21.00
Piazza Innocenzo III
inaugurazione

LUCE
con la Compagnia dei Folli

EBA9A4F8-ADAF-435C-9A2F-01435648B0D0

L'ingresso della luce segna l'incipit assoluto del creato nel suo essere ed esistere. Emblematico è l'avvio stesso della Bibbia: «Dio disse: "Sia la luce!" e la luce fu!». Un evento sonoro divino, una sorta di Big bang trascendente, genera un'epifania luminosa: si squarcia, così, il silenzio e la tenebra del nulla per far sbocciare la creazione. L'atto creativo divino, espresso attraverso l'immagine della "separazione" mette ordine nel "disordine" dal nulla. Un viaggio attraverso la luce, il fuoco, sfere volanti, effetti luminosi, proiezioni su farfalle e su sfere trasparenti, creature dell'abisso leggere e luminose, acrobati leggeri su trapezi e tessuti luminosi. Una miriade di personaggi fantastici per un percorso incantato e meraviglioso nel mondo della luce.

Sabato 25 agosto 2018 ore 21.00
Piazza Innocenzo III

LE PAROLE NOTE
Special edition con Omaggio a Shakespeare
con GIANCARLO GIANNINI
e il Marco Zurzolo Quartet
Cabiria Production

B2405D54-A77E-44EF-A96E-A807225D786A

Il recital di Giancarlo Giannini è un singolare incontro di letteratura e musica. L'attore, particolarmente esperto nell'analisi della parola, recita brani e poesie di grandi classici come Shakespeare, Melosio, Petrarca. Vari autori e un unico tema: l'amore, la donna, la passione...La vita! Giancarlo Giannini sarà accompagnato da una serie di brani inediti del sassofonista partenopeo Marco Zurzolo, suonati dal suo quartetto. Giancarlo Giannini e la sua recitazione, la sua voce calda e penetrante condurrà gli spettatori in "atmosfere", mistiche, malinconiche, amorose, ed ironiche in un viaggio dal 200' fino ad arrivare ai giorni nostri. Grandi emozioni, varie atmosfere, un unico spettacolo: LE PAROLE NOTE.

Domenica 26 agosto 2018 ore 21.00
Piazza Innocenzo III

SHAKESPEA RE DI NAPOLI
con Claudio Di Palma e Ciro Damiano
composto e diretto da Ruggero Cappuccio
musiche Paolo Vivaldi
scene e costumi Carlo Poggioli
Edizione Einaudi
Teatro Segreto - Napoli

420934EE-D9B9-43D8-8C20-34F35355D910

Shakespea Re di Napoli, lo spettacolo che da più di vent'anni attraversa i palcoscenici dei teatri italiani ed esteri. Il testo di Ruggero Cappuccio, pubblicato da Einaudi nella Collana Classici è interpretato da Claudio Di Palma e Ciro Damiano. La messinscena, nata al Festival di Sant'Arcangelo nel 1994, ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti internazionali. Shakespea Re di Napoli continua ad affascinare platee e generazioni diverse costituendo uno dei rarissimi esempi di lunga durata nell'ambito delle produzioni teatrali. La straordinaria musicalità della lingua di Shakespeare viene assimilata alla grande vocazione lirica della cultura letteraria del barocco napoletano. Il senso del suono diviene suono dei sensi, nell'inesausto intreccio di endecasillabi e settenari. Sullo sfondo, una misteriosa notte di Carnevale, un castello, un viceré, due storie e l'ombra di Shakespeare. In un vortice di passioni incandescenti, agonizzanti silenzi, violente rinascite delle parole, di genio, di bellezza e di morte, che dal vicino mare, limpido e putrescente, esala un brivido, presagio della peste.

Martedì 28 agosto 2018 ore 21.00
Sala della Ragione

CANTIERE GIOVANI – SEGNALI DAL TERRITORIO
I CANZONIERI
Convegno
introduce Gaetano D'Onofrio
a cura di Luca Simonelli

La ricerca ha contemplato l'analisi di testi provenienti dal medioevo europeo, da quello celtico a quello italico, dalla prosa popolare alla lirica di corte, con sconfinamenti mondo medioevale orientale. Un percorso didattico formativo che ha coinvolto alcuni giovani allievi attori della Città di Anagni, da qualche anno impegnati in una attività costante di laboratorio teatrale di crescita artistica ed espressiva.

Giovedì 30 agosto 2018 ore 21.00
Piazza Innocenzo III

KOHLHAAS
dal racconto "Michele Kohlhaas" di H. von Kleist
di Marco Baliani e Remo Rostagno
attore narrante Marco Baliani
regia Maria Maglietta
La Casa degli Alfieri

069F49E6-3568-43B3-8E42-F940C548CF5A

La storia di Kohlhaas è un fatto di cronaca realmente accaduto nella Germania del 1500, scritto da Heinrich von Kleist in pagine memorabili. È la storia di un sopruso che, non risolto attraverso le vie del diritto, genera una spirale di violenze sempre più incontrollabili, ma sempre in nome di un ideale di giustizia naturale e terrena, fino a che il conflitto generatore dell'intera vicenda non si risolve tragicamente lasciando intorno alla figura del protagonista una ambigua aura di possibile eroe del suo tempo. "Nel mio racconto orale – dice Baliani - è come se avessi aggiunto allo scheletro osseo del racconto di Kleist, nervi, muscoli e pelle che provengono non più dall'autore originario ma dalla mia esperienza, teatrale e narrativa, dal mio mondo di visioni e di poetica. Accade nell'arte del racconto orale che per cercare personaggi interiori occorra compiere lunghi percorsi, passare attraverso storie di altre storie, sentirsi stranieri in questo mondo dopo aver tanto peregrinato, fino a trovare quel punto incandescente capace di generare a sua volta nell'ascoltatore un mondo di visioni.

Venerdì 31 agosto 2018 ore 21.00
Piazza Innocenzo III

TEMPESTE D'AMOR PERDUTE
liberamente tratto da William Shakespeare
drammaturgia di Andrea Pennacchi e Michele Modesto Casarin
con Katiuscia Bonato, Matteo Fresch, Nicola Perin e Claudia Bellemo
regia di Michele Modesto Casarin
Compagnia Pantakin da Venezia - Teatro della Gran Guardia - in collaborazione con Febo Teatro

71D03344-A11C-4096-9B79-3E03B4A8EB67

Abbiamo immaginato che i tanti "regali" che la commedia italiana ha fatto a Shakespeare ritornino indietro in uno spettacolare circuito virtuoso. La giovane Isabella ritorna dall'Inghilterra alla ricerca della compagnia di Commedia dell'arte "Gli Uniti". La trova al porto di Comacchio, in procinto di imbarcarsi per Venezia. La peste ha lasciato solo tre attori vivi: una donna e due uomini, che ormai disperano di poter rimettere in piedi il loro usuale repertorio: Diana, la madre, è troppo vecchia e il figlio Tristano e l'attor giovane Valentino sono troppo giovani. Dopo alcuni equivoci, di fronte all'impossibilità di mettere in scena un classico spettacolo di Commedia, Isabella mostrerà una possibile via d'uscita: una commedia che in Italia nessuno porta più in scena, ma fonte di ispirazione per William Shakespeare, che grazie alle sue parole, al Globe di Londra sta ottenendo grande successo. Un vecchio mago e sua figlia che, su un'isola deserta, portano a termine una storia di amore e giustizia: "La Tempesta".

Sabato 1 settembre 2018 ore 21.00
Piazza Innocenzo III

IL TROVATORE
di Giuseppe Verdi
con Manrico Antonino Interisano - Leonora Paola Di Gregorio - Il Conte di Luna Sergio Bologna - Azucena Stefania Scolastici - Ferrando Carlo Di Cristoforo - Ines Arianna Castelli - Ruiz Guido Bernoni - Un vecchio zingaro Andrea Scorsolini - regia Gianmaria Romagnoli - direttore Maurizio Morgantini - scenografo Giovanni di Mascolo - maestro del coro Renzo Renzi
direttore di scena Teresa Gasperi
Orchestra sinfonica Europa Musica / Coro Lirico Italiano
Produzione Europa Musica

B32DC418-09FC-49D0-B4D6-72B75CF5F6FC

La vicenda si svolge in Spagna, in Aragona, agli inizi del XV secolo. Il Conte di Luna è innamorato di Leonora, dama della regina, e trascorre buona parte della notte a sorvegliare la casa della giovane, preoccupato ch'ella ceda alla corte del suo temuto rivale: il Trovatore...
per Verdi l'opera fu un successo senza precedenti: il pubblico ne fu entusiasta, La Gazzetta Musicale lo definì come un trionfo meritato e Il Trovatore fu definito un capolavoro, come viene considerato tutt'oggi.

Domenica 2 settembre 2018 ore 21.00
Piazza Innocenzo III

CORALE DI DONNA E UOMO - recital a due voci
con Barbara De Rossi
e Francesco Branchetti
di Gianni Guardigli
regia Francesco Branchetti
musiche originali Pino Cangialosi
Associazione Culturale Foxtrot Golf

Un giro del mondo, un'immersione nelle epoche e nei luoghi che costituiscono le fondamenta della nostra realtà di oggi. Le voci delle donne tratteggiano un grande quadro multicolore per chiedere giustizia e pietà. Giustizia agli uomini e pietà agli dei e a Dio. Le donne di ieri tratteggiano importanti percorsi nelle pagine della mitologia greca. Prima Fedra e poi Andromaca cantano le dolenti note di un destino infausto e sprezzante, che ha scaraventato le loro sensibilità nel tunnel dell'impotenza. Le mistiche del medioevo si confrontano con il trascendente, con la potenza della certezza che oltre la vita terrena c'è la "vera vita", e che l'avventura nel mondo dei mortali non è altro che un banco di prova, una specie di esame per definire il nostro esatto ruolo nell'aldilà. E poi Lady Macbeth presenta con la potenza della disperazione il suo progetto criminale per affondare le unghie nel potere. Ogni singola voce di donna diventa elemento di un coro che canta "la necessità" di una redenzione che ancora aspettiamo.

Appuntamento con il XXV Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni, dal 24 agosto al 2 settembre 2018. Ingresso gratuito, spettacoli ore 21.00

Info: www.comune.anagni.fr.it

 

Ultima modifica il Lunedì, 03 Settembre 2018 20:50
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.