martedì, 28 marzo, 2017
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / Attualità - Festival de Cannes 2013: Un château en Italie di Valeria Bruni Tedeschi

Attualità - Festival de Cannes 2013: Un château en Italie di Valeria Bruni Tedeschi

Un château en Italie Un château en Italie di Valeria Bruni Tedeschi

Un château en Italie
di Valeria Bruni Tedeschi
con Valeria Bruni Tedeschi, Xavier Beauvois, Filippo Timi, Louis Garrel

Louise (Valeria Bruni Tedeschi) è un'ex attrice che ha lasciato il cinema dieci anni prima per "far posto alla vita nella sua stessa vita", ma è proprio la vita che le fa incontrare nuovamente sul suo cammino quel mondo, impersonificato dal tormentato Nathan (Luois Garrel) anche lui attore in crisi di identità. Louise è in un momento particolarmente difficile visto che con suo fratello (Filippo Timi) gravemente malato e sua madre (Marisa Borini) devono decidere che sorte riservare al castello di famiglia in cui sono conservati tutti i ricordi del padre deceduto e della loro infanzia.
Louise deve quindi confrontarsi con l'angoscia per la salute del fratello, con la nostalgia per una parte di sé che sente svanire e con l'ansia per la mancanza di una parte che ancora tarda a presenatrsi. Un desiderio impellente di maternità, infatti, incrina il rapporto con il giovane Nathan troppo preso da se stesso per poter concepire l'idea di un figlio.
Dopo "E' più facile per un cammello..." e "Attrici" Valeria Bruni Tedeschi riporta sullo schermo un altro capitolo della sua vita (risale al 2006 infatti la prematura scomparsa del fratello Virginio a cui è dedicato il film) circondandosi ancora una volta di persone che realmente le sono vicine come la sua vera madre e il compagno, o forse ex (certo lo scopriremo nel prossimo film) Louis Garrel. Valeria Bruni Tedeschi parla di sé e della sua famiglia e sicuramente farlo usando come mezzo il cinema le permette di esecitare uno sguardo decisamente ironico e delicato. Riesce quindi a regalare momenti di grande leggerezza (come la divertente scena della fecondazione in vitro) che a nostro avviso non bastano però a cancellare quella sensazione di dejà-vu inevitabile se si sono visti e apprezzati i film precedenti.
Risulta a tratti fastidioso il reiterarsi delle sue problematiche personali e sicuramente non aiutano tutta una serie di cliché sull'Italia (che al pubblico francese non sono forse così evidenti) che fa sembrare un po' tutto il film un continuo susseguirsi di cartoline e di spot per turisti. Degna di una nota a parte è l'interpretazione intensa e toccante di Filippo Timi che dona al film un'umanità preziosa e che permette di non soffermasi troppo su quanto appena detto. A Cannes il film è stato accolto da un'ovazione, segno che il pubblico evidentemente ha ancora voglia di sentirsi raccontare la favola vera di Valeria Bruni Tedeschi.

D.G.

Ultima modifica il Venerdì, 24 Maggio 2013 09:32
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.