lunedì, 22 aprile, 2019
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / Dare anima all'immaginazione. Al via il corso di 'AniMateria' per professionisti del teatro di figura. -di Nicola Arrigoni

Dare anima all'immaginazione. Al via il corso di 'AniMateria' per professionisti del teatro di figura. -di Nicola Arrigoni

Il momento del benvenuto di Diego Maj ai presenti Il momento del benvenuto di Diego Maj ai presenti

Dare anima all'immaginazione
Al via il corso di 'AniMateria' per professionisti del teatro di figura
di Nicola Arrigoni

Una realtà teatrale dimostra la propria vivacità non solo per gli spettacoli che fa, non solo per la capacità di animare il territorio in cui inserito, ma anche perché sente la necessità di fare sapere, di trasmettere la passione per la scena e farlo nei confronti delle giovani generazioni, farlo nel segno di un professionismo da coltivare ed educare.
Per questo l'avvio del corso di AniMateria al Teatro Gioco Vita di Piacenza è non solo l'avvio di un impegnativo percorso di formazione nelle tecniche e nei linguaggi del teatro di figura, ma è anche un'esigenza condivisa dallo stabile piacentino con il Teatro delle Briciole - Solares Fondazione delle Arti di Parma, il Teatro del Drago di Ravenna, il Teatro del Buratto di Milano, la Fondazione Alberto Simonini di Reggio Emilia e realizzata grazie all'apporto di Fondazione di Piacenza e Vigevano e Fondazione Teatri di Piacenza.
«Oggi per Teatro Gioco Vita è una giornata molto importante: si realizza un sogno utopico che da tempo aleggiava nei nostri progetti. Un percorso di formazione professionale sul teatro di figura – ha dichiarato Diego Maj, direttore del Teatro Gioco Vita aprendo il corso al Teatro Gioia -. Un progetto che risponde non solo a un'esigenza artistica ma anche alla volontà di promuovere e valorizzare un teatro, quello di figura, che spesso in Italia è vissuto in ombra. Tutto questo con la speranza di far crescere le professionalità nel settore, di creare sbocchi professionali e occasioni di lavoro, di formare figure che possano coinvolgere un nuovo pubblico».
L'unione di materia e anima ben esprime il segreto che sta dietro il teatro di figura che dai burattini alle ombre, passando per pupazzi e affini sa dare spinta fantastica ad oggetti che inanimati diventano animati grazie a tecnica e sapere di attori/manipolatori. Tutti questi aspetti coesistono nel percorso formativo di 500 ore che si terrà per la parte teorico-pratica a Piacenza e per la parte di project work a Piacenza, Parma e Ravenna. Il coordinatore del corso è Roberto De Lellis, direttore pedagogico Fabrizio Montecchi.
Sono sedici i partecipanti, il numero massimo consentito per la tipologia di progetto, selezionati tra 57 partecipanti a prove teorico-pratiche. Le domande pervenute erano più di 60. Il corso è totalmente gratuito e a chi frequenterà almeno il 70% delle 530 ore totali previste sarà rilasciato un attestato di frequenza. Il percorso si concluderà a settembre e prevede 390 ore di teoria e pratica e 140 di project work. Il corso ha l'obiettivo di formare attori/animatori esperti nelle tecniche e nei linguaggi del teatro di figura: teatro d'ombre, burattini, teatro su nero, teatro degli oggetti che possano applicare le competenze acquisite nel campo delle arti performative, del multimediale, del cinema, della televisione, delle arti figurative e plastiche.
Il progetto 'Animateria', attraverso un rigoroso percorso formativo, intende promuovere e stimolare, in particolare presso le nuove generazioni di artisti ma non solo, la pratica del teatro di figura in tutte le sue forme, suscitando interesse verso le sue straordinarie possibilità di sperimentazione scenica e drammaturgica. Verranno forniti gli strumenti di base per applicare le conoscenze acquisite anche ad altri settori della creazione artistica come il multimediale, il cinema, la televisione, le arti figurative e plastiche. Si propone di fornire, inoltre, le competenze necessarie per interventi di animazione in ambito culturale, sociale, scolastico e terapeutico.
Tra i docenti di Animateria ci sono: Beatrice Baruffini (teatro degli oggetti), Alessandra Belledi (organizzazione - gestire un teatro); Nicola Cavallari (maschera), Alfonso Cipolla (storia del teatro di figura), Roberta Colombo (organizzazione - Unima Unione Internazionale della Marionetta), Andrea Coppone (movimento), Emanuela Dall'Aglio (costruzione), Roberto De Lellis (economia della cultura), Tiziano Ferrari (recitazione); Nicoletta Garioni (animazione e teatro d'ombre), Chiara Merli (storia del teatro di figura), Nadia Milani (teatro su nero), Fabrizio Montecchi (scrittura scenica e teatro d'ombre), Andrea Monticelli e Mauro Monticelli/Teatro del Drago (teatro dei burattini), Silvio Oggioni (programmazione - festival), Simona Rossi (comunicazione), Valeria Sacco (animazione), Helena Tirén (distribuzione); e ancora: Giorgio Gabrielli, Stefano Giunchi, Luca Ronga, Claudio Cinelli, Zaches Teatro, Riserva Canini, Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli.

Ultima modifica il Lunedì, 21 Gennaio 2019 23:51

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 347 9115958

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.