lunedì, 10 dicembre, 2018
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / ALDILÀ DEL VIOLINO - 
Conferenza spettacolare sulla liuteria e la morte con Matteo Fantoni. -di Matteo Taccola

ALDILÀ DEL VIOLINO - 
Conferenza spettacolare sulla liuteria e la morte con Matteo Fantoni. -di Matteo Taccola

"Aldilà del violino" con Matteo Fantoni "Aldilà del violino" con Matteo Fantoni

ALDILÀ DEL VIOLINO

Conferenza spettacolare sulla liuteria e la morte
con Matteo Fantoni

da un'idea di Matteo Fantoni

testi di Sara Venuti

scenografia e luci Federico Calzini

produzione Teatro Insonne

"Ho costruito un liuto per sconfiggere la morte e far durare di più il mio suono"

LIVORNO – "Aldilà del violino" andato in scena al Wintergarten, Atelier di teatro permanente, a Livorno, è uno spettacolo-conferenza il cui cuore centrale si trova nell'anima degli strumenti ad arco, è un racconto che parte dalla famiglia Amati, i precursori del violino come lo conosciamo oggi, fino alla figura straordinaria di Antonio Stradivari e il "segreto" ancora oggi in vita della perfezione dei suoi strumenti, ma qui non si esaurisce perché lo spettacolo si districa tra le delicate tematiche del suono, di pialle, della vita e della morte, immergendo lo spettatore con un tocco tanto leggero che quasi non ci si accorge dei cambi di registro, a parte alcuni momenti in cui il tecnicismo rompe eccessivamente la fluidità del racconto, ma tali momenti sono rarissimi e nel complesso lo spettacolo non solo è godibile, ma raggiunge punte di raffinato lirismo poetico.
Matteo Fantoni è l'eccellente liutaio che attraverso una scenografia essenziale, un tavolo da lavoro, dagli "effetti speciali" semplici, ma efficaci, riesce a trasmettere emozione e commozione nello spettatore.
Non è, però, solo il sentimento quello che via via cresce e si insinua negli occhi del pubblico attraverso le parole e le mani veloci dell'artigiano, ma anche un forte messaggio di denuncia verso il genere umano sempre più lasso, senza più consapevolezza delle proprie capacità, che delega il suo "saper fare" alle macchine, ritenendosi incapace di creare quella bellezza che ha reso immortali personaggi del calibro di Stradivari. Un messaggio che richiama per certi versi Ned Lud e il suo movimento, romantico e poetico al tempo stesso, che cerca di ricordare all'uomo chi è, di svegliarlo dall'oblio dolceagre della mitizzazione che giustifica molte persone della propria inattività.
Uno spettacolo che ruota intorno agli strumenti, ma che fa della riflessione sul silenzio un'interessante antinomia. Il silenzio come momento di riflessione da cui si prendono i primi passi per la costruzione dello strumento musicale, per arrivare alla fine coerente di questo spettacolo in cui Fantoni conclude la pièce suonando la creazione di ciò di cui ha parlato durante lo spettacolo, "concretizzando" il mito, confutandolo e mostrando che l'uomo ha nelle mani, ancora oggi, la capacità di creare qualcosa che possa avere un'anima, che superi i confini dell'estetica, per giungere al sublime.

Matteo Taccola

Ultima modifica il Giovedì, 29 Novembre 2018 10:12

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.