giovedì, 21 settembre, 2017
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / UNGHERIA: Operafesztivál Bartók Plusz dal 16 al 25 giugno a Miskolc

UNGHERIA: Operafesztivál Bartók Plusz dal 16 al 25 giugno a Miskolc

Operafesztivál Bartók Plusz Operafesztivál Bartók Plusz

Bussa alla porta del novero dei maggiori festival europei, il Festival d'Opera di Miskolc, che si tiene nella terza maggior città dell'Ungheria dal 19 al 25 giugno 2017. Il titolo completo Operafesztivál Bartók Plusz, ricorda i legami musicali che l'Ungheria tiene con uno dei compositori che valorizzò in termini di ricerca etnomusicale la musica tradizionale ungherese. Non per altro il Festival fu creato nel 2001 facendo nelle composizioni di Bartok l'elemento fondante dell'esistenza della manifestazione alla quale si aggiunge, in queste ultime stagioni rette dalla direzione artistica di Kesselyak Gergely, l'offerta di sviluppare e proporre musica contemporanea, specificamente l'opera, ma a condizione che sia musica "popolare".
Ecco quindi il sottotitolo della manifestazione "Rebird of Opera" (rinascita dell'Opera) supportato da un programma complessivo che allinea una ragtime-opera dedicata a Martin Luther King (A Lutherek) di giovani compositori magiari, Ittzes Tamas e Lanczkor Gabor, a un tradizionale Candide di Leonard Bernstein, alla riscrittura del mito dell'eroe romano Muzio Scevola (di Matyassy Szabolcs) con protagonista il soprano ungherese Andrea Rost, alla cooproduzione con il Festival di Torre del Lago Puccini, di Junior Butterfly del compositore giapponese Saegusa, per concludersi con una riproposta musicale del romanzo di Bulgakov Il Maestro e Margherita (A mester es Margarita di Gyöngyösi Levente). Non manca un omaggio a Astor Piazzolla con la sua opera tango Maria de Buenos Aires e a Kodaly stesso, con la sua opera da camera The spinning Room, produzione del Teatro dell'Opera di Stato ungherese. Non ultima come importanza, una performance originalissima, Phoné; affidata al compositore italiano Girolamo Deraco che ha creato una installazione sonora di 100 grammofoni a manovella (di provenienza di un collezionista italiano) approntati a suonate dischi a 78 giri, appositamente rielaborati, con l'accompagnamento di coro e fiati. Attorno a questi eventi portanti si incastrano tutta una serie di concerti che vedono presenze internazionali come l'Orchestra dei Musici di Roma e l'Orchestra da Camera Russa.
Queste iniziative vengono supportate da tutta una serie di proposte musicali e di prosa pubblicizzate con apposito programma che dà forma a un calendario denso di appuntamenti nell'arco delle giornate del festival, potendo fare affidamento su tutta una serie di strutture che fanno perno su un Teatro, di tradizione fondato nel 1847 come primo teatro statale d'Ungheria e completamente ristrutturato nel 1992, di uno spazio all'aperto appoggiato sul retro dell'edificio principale, con copertura, e un teatro da camera. Non bastando questi luoghi deputati, tante manifestazioni si svolgo per le strade e le piazze come l'inaugurazione che avviene con una parata lungo la strada principale nel corso del pomeriggio.
Quest'anno 2017 al nome tutelare di Bela Bartok si è aggiunto quello di Zoltán Kodály di cui si ricorda il 50 anniversario della morte al quale sono state dedicate le prime due serate del festival. Insieme i due musicisti pubblicarono numerose collezioni di musica popolare e ne furono parimenti influenzati nella loro produzione. Nella prima serata inaugurale del 16 giugno è stato presentato il Kodaly corale e sinfonico autore del Budavári Te Deum e Psalmus Hungaricus con la stretta collaborazione, per le parti soliste, dell'Opera di Stato di Budapest. Per tener fede alla missione del festival, spazio aperto alle nuove proposte, è stata presentata, inframezzo alle due composizioni principali, in prima mondiale, il Cello Concerto composizione breve di Gyula Fekete, classico nella forma del concerto solista, con un giovanissimo violoncellista, Barnabás Baranyai, di notevole capacità tecnica e interpretativa. Il tutto supportato da una delle orchestre magiare che sostengono l'evento, l'orchestra Filarmonica della Pannonia di Debrecem.
Ma certamente l'evento celebrativo più atteso era la serata con concerto monografico dedicato al mondo delle danze tradizionali rielaborate da Kodaly con "János Háry suite" e le famose "Peacock variations" con protagonista il Corpo di ballo del Teatro Nazionale di Budapest e la locale compagine sinfonica.
Tutto questo è segno di vivacità e culturale e di entusiasmo creativo in un momento in cui l'Ungheria stessa e la cittadina di Miskolc è paradigma delle contraddizioni di una nazione economicamente depressa che chiede attenzione e rispetto, ponendo sulla bilancia della storia e del confronto tra nazioni certamente uno dei beni più preziosi che una popolazione possiede: il proprio patrimonio culturale, in questo caso musicale e drammaturgico.

In una Ungheria economicamente depressa il Operafesztivál Bartók Plusz organizzato dal 16 al 25 giugno a Miskolc nel nome della "Rinascita dell'Opera", vuole essere segno di un rilancio culturale musicale tra tradizione e nuove proposte.

Federica Fanizza

Ultima modifica il Mercoledì, 21 Giugno 2017 18:59

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.