sabato, 23 settembre, 2017
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / LA PRODUZIONE DI AIDA DEL TEATRO DI SAN CARLO IN TOURNÉE AD ANVERSA E A BRUXELLES.-di Simona Buonaura

LA PRODUZIONE DI AIDA DEL TEATRO DI SAN CARLO IN TOURNÉE AD ANVERSA E A BRUXELLES.-di Simona Buonaura

"Aida", regia Franco Dragone "Aida", regia Franco Dragone

LA PRODUZIONE DI AIDA DEL TEATRO DI SAN CARLO IN TOURNÉE AD ANVERSA E A BRUXELLES

La musica lirica in viaggio: da Napoli destinazione Anversa e poi Bruxelles. Da Maggio a Dicembre 2017 la produzione di Aida del Teatro di San Carlo (2013 e 2016) seguirà infatti una tournée internazionale. Entrando nello specifico verrà rappresentata al Teatro di Anversa, Stadsschouwburg d'Anvers, l'11, il 12, il 13 ed il 14 Maggio, poi il 23 Dicembre alla Forest National di Bruxelles.

L'ALLESTIMENTO
Si tratta dell'allestimento prodotto dal Teatro di San Carlo nel 2013, per la regia di Franco Dragone, con le scene di Benito Leonori e i costumi di Giusi Giustino, e riproposta l'estate scorsa, in occasione di San Carlo Opera Festival 2016, ripresa da Michele Mangini.

L'OPERA DI GIUSEPPE VERDI
L'Aida è un'opera in quattro atti di Giuseppe Verdi, il libretto è di Antonio Ghislanzoni, da una versione francese in prosa di Camille du Locle basato sul soggetto originale dell'archeologo Auguste Mariette.
Il Vicerè d'Egitto Ismail Pascià nel 1870 in occasione delle celebrazioni per l'apertura del Canale di Suez commissionò all'esimio musicista un inno da suonare per l'importante circostanza. Verdi però in un primo momento rifiutò perché non si riteneva compositore d'occasione poi però accettò ma qui le versioni sono un po' contrastanti: una leggenda narra che accettò perché era venuto a sapere che il Vicerè volesse affidare la scrittura a Richard Wagner; un'altra invece che quando lesse lo schema del libretto ritenne la storia valida ed accettò. L' Aida fu rappresentata per la prima volta il 24 Dicembre 1871 al Teatro Nazionale del Cairo.
LA TRAMA
La storia narra le vicende di amore e di Patria della principessa etiope Aida che viene catturata da soldati egizi anche se ignorano la sua identità e la mettono in schiavitù. Suo padre, il Re di Etiopia Amonasro si mette in marcia per liberarla. Intanto lei si è innamorata del giovane guerriero Radamès. Ma non è l'unica. Del soldato infatti è innamorata anche la figlia del Re d'Egitto Amneris. La vicenda poi si snoda tra l'amore delle due donne per il soldato, che verrà anche promosso a comandante, e la guerra che imperversa. Promesso sposo ad Amneris, Radamès suo malgrado non riesca a dimenticare la bella Aida e per lei tradisce la sua Patria confidandole informazioni riservate. Ma, disperato per il suo gesto, si consegna al sommo sacerdote che, nonostante le suppliche di Amneris che chiede di salvarlo, lo condanna a morte per alto tradimento: sarà sepolto vivo. La scena finale vede il soldato che crede di essere solo ma si accorge che Aida è nella Cripta con lui pronta al ferale passo assieme all'uomo che ama. L'opera si chiude con i due amanti che vanno verso il loro destino e Amneris che piange disperata sulle loro tombe, mentre le sacerdotesse danzano gioiose.

Simona Buonaura

Ultima modifica il Giovedì, 09 Marzo 2017 20:22

Articoli correlati (da tag)

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.