lunedì, 16 ottobre, 2017
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / NUOVA ZELANDA / IN TUTTA LA TV MANCA IL TEATRO,
 PREVALGONO SPORT, CARTONI, GIOCHI

IN TUTTA LA TV MANCA IL TEATRO,
 PREVALGONO SPORT, CARTONI, GIOCHI

All Blacks, l’amata squadra di rugby della Nuova Zelanda All Blacks, l’amata squadra di rugby della Nuova Zelanda

IN TUTTA LA TV MANCA IL TEATRO,
 PREVALGONO SPORT, CARTONI, GIOCHI

Per capire gli orientamenti culturali di un Paese occorre avere la pazienza di smanettare, zigzagando da un canale televisivo all'altro in più giornate e in orari diversi. È ciò che facciamo ogni volta che desideriamo conoscere il teatro del Paese che ci ospita.
Ora, la stessa indagine, l'abbiamo svolta qui in Nuova Zelanda; e dobbiamo subito dire che di teatro i neozelandesi ne masticano ben poco, anzi quasi niente: assente su oltre duecento canali visibili a tutti (esistono, inoltre, ulteriori duecento canali visibili a pagamento ma, anche in questo caso, nessuna programmazione di teatro).
Il panorama di questa escursione cosa offre? La televisione ufficiale dei Māori, oltre a fornire le informazioni del giorno, cura molto l'insegnamento della loro lingua in parallelo con quella inglese.
Poi si passa ai canali sportivi: ben sei canali, e ognuno specializzato nello sport da proporre. Quello del rugby che qui è lo sport preferito tanto da radunare il pubblico nei bar; poi, a seguire gli altri: gare di sci nautico, acrobatico, da mozzafiato, tennis, golf, ciclismo, ed altri. Insomma, lo sport domina su tutte le reti, per non parlare poi dei cartoni animati. In tutte le salse.
Poi trovi i canali internazionali: CNN, BBC, Al Jazira; puntualmente, due volte al giorno per tutta la settimana i "giochi delle domande" dove i giocatori sperano di vincere denaro. Una vera ossessione. Tracce di teatro zero, come pure anche passeggiando per la città di Wellington non si trovano né locandine, né manifesti, solo qualche isolato cartellone, per il teatro soprattutto musicale, ma quei "messaggi" risultano poco invitanti, un po' démodé.
Come si è detto, assenza assoluta della drammaturgia nelle reti televisive. Questo è l'orientamento generale, visto da Wellington: prevale lo sport, la TV dei giochi, i cartoni animati: e, per fortuna, un canale di storia, ma si parla solo di guerre, un canale di geografia, uno di animali e un altro di arte pittorica. Ma di teatro neanche l'ombra; e questa è la dimostrazione che piano piano la cultura del teatro, della nostra memoria teatrale è già verso l'oblio.

Ultima modifica il Lunedì, 01 Maggio 2017 08:19

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.