domenica, 30 aprile, 2017
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / Astana / Astana - Centro Commerciale Shatyr, regno infernale per bimbi, ragazzi e giovani, per un "teatro" perverso

Astana - Centro Commerciale Shatyr, regno infernale per bimbi, ragazzi e giovani, per un "teatro" perverso

Centro commerciale Khan Shatyr, Astana Centro commerciale Khan Shatyr, Astana

Per comprendere quali sono gli obiettivi che la comunità di un Paese si prefigge occorre osservare ciò che viene proposto per la formazione, la cultura, l'educazione dei bambini, dei ragazzi e dei giovani, poiché loro saranno la società di domani.

È quello che cerchiamo di scoprire nella città di Astana, nuova Capitale del Kazakhstan, dove si stanno investendo tanti soldi per il business e il marketing; e per l'infanzia cosa viene fatto?
Cominciamo dal Centro Commerciale principale, Shatyr, luogo, anzi regno, dove si riversa tutta la vita della città: compresa anche l'attività concepita per l'infanzia e per i genitori, al di fuori dei programmi scolastici.

shatyrbeach

Il Centro Commerciale, abilmente, ha collocato nell'ultimo girone al sesto piano il mondo dei bambini, ragazzi, giovani: allestendo una spiaggetta con palme, popolata da dinosauri, uomini-mostro, giostre con cavalli e carrozzelle, automobiline per gli scontri, per i bambini; video-giochi, carrozzelle volanti, saliscendi da brivido, per i grandi. Un universo non certamente educativo, anzi propenso al noir, alla violenza dei giochi. Eppure, ogni giorno in questo "parco giochi da settimo cielo", salgono nugoli di famiglie, per spendere meglio il proprio tempo invece di stare in casa; passano numerose scolaresche con insegnati che illustrano gli animali preistorici che si muovono e fanno smorfie da ridere; un viavai di passeggini, uomini con prole in collo, come pure le mamme.
Perché questo spazio, se vuoi ingannevole, è stato messo all'ultimo piano? Semplice: perché per arrivarci devi compiere i sei piani, i sei gironi, le sei bolge, passando di fronte a negozi di ogni genere: percorsi obbligati nella speranza che i visitatori possano effettuare acquisti. Ecco perché. L'ambiente è ricco di colori, di tecnologia avanzata, di punti di ristoro; insomma, quando non si gioca, si mangia, o si gira in tondo da una installazione all'altra. Un teatrino perverso. Che non fa ben sperare per la nuova generazione di Astana.

Ultima modifica il Mercoledì, 22 Giugno 2016 03:24

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.