domenica, 24 settembre, 2017
Sei qui: Home / ATTORI-REGISTI / K - L / Sofia Loren

Sofia Loren

Sofia Loren Sofia Loren

Dopo un'infanzia difficile, trascorsa nei bassi napoletani, Sofia Scicolone giunge a Roma per far fortuna nel cinema assieme all'inseparabile madre Romilda Villani (un'attrice mancata, che avrà un ruolo di costante sprone per la figliola). Ottenuta una piccola forma di celebrità apparendo nei fotoromanzi con lo pseudonimo di Sofia Lazzaro, la giovane accetta una serie di particine in diverse pellicole: è Goffredo Lombardo della Titanus a ribattezzarla Sophia Loren, ed un altro produttore - il potente Carlo Ponti, l'uomo che tempo dopo la sposerà - le fa un contratto di sette anni. E' il periodo in cui Sophia mette a punto il proprio personaggio di popolana bella e sfrontata: la sciantosa in "Carosello napoletano" (1953) di Ettore Giannini, la celeberrima pizzaiola de "L'oro di Napoli" (1954) di Vittorio De Sica, la trasteverina di "Peccato che sia una canaglia" (1954) di Blasetti e la ragazza de "La bella mugnaia" (1955) di Mario Camerini. La sua fama travalica i confini patri: nel '55 "Life" le dedica una copertina, mentre Ponti pianifica per lei una carriera internazionale. Le pellicole nelle quali compare - con l'eccezione de "Il diavolo in calzoncini rosa" (1960) di Cukor - non sono tuttavia di prim'ordine, e solo con il ritorno in Italia ella ottiene la consacrazione a stella di prima grandezza: la sua magistrale prova ne "La ciociara" (1960) di Vittorio De Sica le procura infatti l'Oscar ed il premio per l'interpretazione femminile al Festival di Cannes.

Sofia Loren

Calendario Pirelli 2007

In seguito, però, raramente saprà ripetersi a codesti livelli: salvo che in "Una giornata particolare" (1977) di Ettore Scola, ove lei e Marcello Mastroianni disegnano con straordinaria bravura il ritratto d'una coppia di semiemarginati - lei una casalinga, lui un omosessuale - all'epoca del fascismo. La sua carriera, a questo punto, può dirsi terminata: tenta nell'84 un rilancio in grande stile recitando insieme al figlio Edoardo Ponti - che la dirigerà, ai giorni nostri, nel "Between Strangers" passato a Venezia - in "Qualcosa di biondo" di Maurizio Ponzi. Ma il clima è mutato ed il pubblico la ignora: l'idolatrata guagliuncella di Pozzuoli, oramai, è solo un ricordo.

Sofia Loren

Dal 1980 si è parzialmente ritirata dai set cinematografici, dedicandosi prevalentemente alla televisione, per la quale ha girato "Madre coraggio" (1987), "Mamma Lucia" (1988), tratto da un libro di Mario Puzo, il remake della Ciociara, tratto dal libro di Alberto Moravia con la regia di Dino Risi (1989), "Sabato, domenica e lunedì" tratto dalla commedia di Eduardo De Filippo con la regia della Wertmüller (1990) e "La terra del ritorno" (2004) con Sabrina Ferilli. Nel 1994 partecipa al film di Robert Altman "Pret-a-Porter", un incrocio tra fiction e documentario su una sfilata di moda a Parigi; nel 1995 è la protagonista del film "That's amore" insieme a Jack Lemmon e a Walther Matthau. Nella sua lunga carriera Sophia ha ricevuto moltissimi riconoscimenti tra cui il premio Oscar alla carriera nel 1991 e il David di Donatello alla carriera nel 1999.

Ultima modifica il Sabato, 22 Giugno 2013 17:37
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Altro in questa categoria: « Massimo Lopez Daniele Luchetti »

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.